Passa al contenuto
Consegna in tutta Europa* | Consegna rapida in 72 ore
Consegna in tutta Europa* | Consegna rapida in 72 ore
Perché si dice Zodiac quando si parla di una barca semirigida?

Perché si dice Zodiac quando si parla di una barca semirigida?

Se chiedete a qualcuno di elencare i diversi tipi di imbarcazioni che conosce, è probabile che tra le risposte come "Barca a vela", "Barca", "Zattera", "Catamarano", ce ne sia una strana: lo Zodiac.

Perché, a differenza degli altri esempi precedenti, Zodiac non è un nome comune, ma un marchio commerciale, il che non gli impedisce di comparire nel dizionario!

Ma da dove nasce questa curiosità? Perché si usa il termine "Zodiac" per un gommone? 

Si tratta di ciò che in francese è noto come antonomasia, ossia una parola o un'espressione che è un sostantivo proprio che sostituisce un sostantivo comune nell'uso. Questo è il caso di altri marchi famosi come "Typex", "Blanco", "Post-It", "Frigidaire", "Kleenex", "Jacuzzi", "Scotch" e molti altri!

Sebbene il termine generico "barca semirigida" sia il nome comune utilizzato in francese dalla maggior parte dei marchi, nel linguaggio quotidiano è il termine Zodiac ad essere ancora in voga!

In Francia, l'espressione "Bateau Zodiac" è 6 volte più ricercata su Google rispetto a "Bateau semi-rigide" e rimane il 50% più popolare di "bateau pneumatique"!

Come ha fatto il marchio a farsi conoscere e a entrare nel nostro vocabolario? Orca Retail risponde!

 

Breve storia delle derive

In primo luogo, va notato che gli esseri umani sanno da molto tempo che i volumi pieni d'aria possono aiutarli a navigare: alcune fonti ne fanno risalire l'uso all'antichità, quando usavano barche di pelle animale!

Ma è solo a metà del XIX secolo che si trovano le prime tracce di gommoni, antenati degli attuali Zodiacs.

Fu l'invenzione del processo di vulcanizzazione e dell'uso della gomma da parte di Charles Goodyear nel 1839 (e l'invenzione dei pneumatici) a portare alla creazione dei primi gommoni, visto che nello stesso anno il Duca di Wellington fu il primo a sperimentare il principio. 

Gli anni '40 del XIX secolo videro lo sviluppo di nuovi modelli, tra cui spicca quello dell'inglese Thomas Hancock nel 1840. La tecnica fu presto utilizzata in numerose spedizioni, tra cui una nell'Artico nel 1844. Tuttavia, a quel tempo, non c'era ancora traccia di uno Zodiaco ...

 

Il marchio e gli inventori che cambieranno tutto

L'origine del marchio Zodiac risale al 1896, quando fu fondata in Francia la società "Mallet, Mélandri et de Pitray ". Maurice Mallet, un famoso aeronauta dell'epoca, fu coinvolto nello sviluppo della produzione dei primi dirigibili.

Solo nel 1909 il gruppo cambiò nome nell'iconico "Zodiac". Ma la storia non finisce qui.

Pierre Debroutelle, ex pilota di dirigibili e ingegnere alle dipendenze del marchio, è stato responsabile delle versioni "moderne" dei gommoni Zodiac, con un primo prototipo sviluppato nel 1934.

Nello stesso anno, un concorrente di nome Paul Brot commercializzò i propri RIB con il marchio PB prima di unirsi a Zodiac con i suoi brevetti.

Questi primi promettenti test furono rapidamente convalidati quando, nel 1937, la Marina francese ordinò un battello in grado di trasportare siluri e bombe: fu la nascita dello Zodiac e l'inizio della sua produzione su scala industriale.

Questo modello ha la ben nota forma a U ed è dotato di due camere laterali unite da una plancia in legno. Il brevetto di questo modello fu registrato solo il 10 agosto 1943, in piena guerra mondiale.

I gommoni sono stati una caratteristica della Seconda guerra mondiale, consentendo a molti aviatori e marinai di salvarsi la vita dopo l'abbattimento dei loro aerei o delle loro navi.

 

Il dopoguerra

Nel dopoguerra il successo dello Zodiac non si arresta, anzi, nel 1950 i decreti ministeriali rendono obbligatoria la presenza di zattere gonfiabili a bordo delle navi commerciali e di tutti i pescherecci di stazza superiore alle 25 tonnellate.

Poi, nel 1952, un altro grande nome della vela ha puntato i riflettori sul marchio nella persona del dottor Alain Bombard (che ha dato il suo nome al marchio concorrente di Zodiac, oggi molto conosciuto). Ha poi intrapreso una traversata atlantica da Tangeri a Barbados a bordo di uno Zodiac di 4,30 metri chiamato " L'eretico "che sarebbe diventato una leggenda.

Il dopoguerra vide anche l'inizio delle vacanze pagate, la creazione di località balneari e la comparsa degli sport acquatici per il grande pubblico. I gommoni erano perfetti per godersi il mare in modo semplice ed economico e venivano utilizzati per le missioni di salvataggio vicino alla costa, in particolare dopo l'emergere della nuova tendenza del surf.

L'azienda Zodiac si rivolge quindi al settore del tempo libero e, molto rapidamente, i modelli si moltiplicano e la popolarità del marchio cresce, radicandosi negli usi e costumi della società francese.

L'Amphitrite, lunga 19,5 metri, costruita all'inizio degli anni '60 da Zodiac per il capitano Jacques Cousteau (Fonte: Boatsnews.com)

 

Lo zodiaco nel XXI secolo

Oggi l'illustre azienda è divisa in due entità, "Zodiac Nautic" per le attività ricreative da un lato e "Zodiac Milpro" per i militari e i professionisti dall'altro.

Dai club di vacanza all'esercito americano, Zodiac è ormai presente in tutto il mondo e, sebbene il mercato dei RIB abbia ormai decine di concorrenti di qualità, le abitudini linguistiche probabilmente non cambieranno!

 

Siete appassionati di nautica e di RIB? 

Scoprite i nostri prodotti!

 

Per saperne di più sul mondo dei RIB:

 

Articolo precedente Quale patente nautica devo prendere per i RIB?
Articoli successivi I migliori accessori per le imbarcazioni RIB

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi tutti i nostri aggiornamenti e promozioni.


Il nostro catalogo